Home / Gare / Altri sport / Chiara Fontanesi, la regina del Motocross rosa

Chiara Fontanesi, la regina del Motocross rosa

Chiara Fontanesi

Capelli d’oro e un visino angelico che le dà meno dei suoi 19 anni. Ma non lasciatevi ingannare: Chiara Fontanesi è tutta grinta e carattere. E oggi è la regina indiscussa del motocross femminile.

La giovane parmense, pilota della Yamaha Monster Energy Team, è infatti la campionessa del mondo in carica (prima italiana a raggiungere questo traguardo) e la dominatrice del campionato WMX 2013, con 6 vittorie su 6 manche. A 13 anni, il debutto nel mondiale, poi vinto appunto nel 2012. Quattro invece i titoli italiani conquistati.
I segreti del suo successo? Passione e sacrificio. “Mi impegno molto, durante l’anno niente vacanze ma allenamento costante tutti i giorni. D’altronde la moto è una cosa che ho nel sangue – ha raccontato la Fontanesi in un’intervista – e non mi costa troppi sacrifici portare avanti quello che faccio. Anzi mi diverto e mi viene quasi facile, anche perché non vado mai oltre il mio limite”. Una lezione per tutti i giovani e in particolare per chi sogna di intraprendere una carriera nel motocross. Uno sport affascinante e spettacolare, ma anche fatto di tanto sudore e rinunce. Per il tempo libero, rimangono giusto “un paio di ore al giorno, per andare a trovare gli amici o giocare col cane“, ha ammesso Chiara. Ma a lei, che fa quello che sognava da bambina, tutto questo non pesa. Piuttosto, è proiettata sempre a nuovi obiettivi. Per esempio adesso – scontenta della riduzione del numero di prove del Mondiale – sta pensando che potrebbe misurarsi col campionato femminile statunitense. E non disdegna neppure l’idea di cimentarsi nell’MX2, ispirando a Jeffrey Herlings.

Dallo scorso febbraio Sky-Automoto TV le ha dedicato il programma “Miss Cross“, stile reality, in cui il suo personaggio è contrapposto a quello di Eleonora Rossi, 22enne aspirante show girl. A Chiara, il compito di immedesimarsi nella vita di Eleonora, e viceversa. Una sfida che la centaura ha accettato per un’unica ragione: far avvicinare altre ragazze al suo sport, grazie alla visibilità che offre la tv. Perchè sempre più persone possano sperimentare quell’adrenalina che per lei è linfa vitale. E che l’ha portata alla vita più alta.


About cubomoto

Commenti chiusi

Torna su