Home / Fun / Cinema / “Uomini in moto”, vite che corrono su due ruote

“Uomini in moto”, vite che corrono su due ruote

Storie diverse che ci incrociano su una strada. Destini opposti che si mescolano in una passione comune: le due ruote. Sono gli ingredienti di “Uomini in moto – Racconti e cronache durante la crisi economica”, il nuovo libro di Marcello Lo Vetere, giornalista del Gruppo 24 Ore nonchè motociclista appassionato.

Uomini in moto

Il testo, nella prima parte, narra il viaggio a due ruote di un immaginario motociclista, Pierluca Danzi. Il quale si allontana dalla pista di Misano sulla sua supersportiva pagata a rate e va a conoscere l’Italia. Nella seconda parte, invece, raccoglie undici interviste ad altrettanti personaggi. Si va da vecchie e nuove glorie della MotoGp a uomini lontani dalle piste ma innamorati dei motori (un magistrato, un chirurgo).
C’è Nicky Hayden, che toccò la gloria con il titolo mondiale del 2006, arrivato dopo averlo quasi perso e poi riacciuffato all’ultima gara della stagione. Un traguardo mai più raggiunto. C’è Casey Stoner, trionfatore nel 2007 e nel 2011 e ritiratosi un anno fa dallo sport agonistico, a soli 28 anni. Sempre sotto i riflettori ma non quelli di un circuito, la storia di , giudice balzato agli onori della cronaca ai tempi del pool antimafia, e che, in “Uomini e moto”, ricorda la sua fuga d’amore a due ruote, prima che la vita “blindata” gli tarpasse le ali della libertà. Fra loro, tante persone “normali”. Un chirurgo in Lambretta. Un tizio capace di dare spettacolo in una gara di Superbike pur posizionandosi al penultimo posto. E ancora, un “miracolato” che stava per morire in un incidente, un insegnante perseguitato da ladri di moto, un fedele “dakariano” e un giornalista che prova le due ruote per lavoro.
Lo Vetere usa la moto come metafora della vita. Col suo delicato equilibrio, al limite della precarietà, essa ricorda infatti l’esistere ai tempi della crisi economica. Un’occasione per riflettere sul presente e sull’importanza delle passioni. E per capire che la vita, con tutte le sue brutture, è capace sempre di riservare emozioni forti, se solo si permette loro di manifestarsi.

About cubomoto

Commenti chiusi

Torna su